Crea sito

Gli Apatia fuori con il disco “Prima Forma Indefinita”

ascoltarescrivere

Il progetto Apatia, band black metal, nasce dall’esigenza di sbrigliare la sofferenza che un uomo può arrivare a provare in determinati momenti della propria esistenza nel tentativo di comunicare all’ascoltatore uno stato d’animo ben preciso: il viaggio di una vittima del mondo all’interno di sé stessa.

Il progetto artistico ha inizio per mano del solo Apatia, in forma grezza, fino all’incontro con Christian, produttore ed amico, grazie al cui aiuto riesce a ottenere nuove idee e nuovi strumenti per perpetrare il suo dolore in forma, seppur sempre auto-prodotta, più curata, mirata e profonda.

“Prima Forma Indefinita” vuole rappresentare, fin dal suo concepimento primo, l’essenza stessa delle pene che una mente ed un animo riescono a sopportare. Ogni componimento rappresenta il puro sfogo personale, privo di qualunque entusiasmo o voglia di venir compreso da chissà chi: il vagito di chi fa dell’apatia un miraggio lontano agognato da tempo. La prima fatica d’una forma di vita vuota che non riesce più ad identificarsi in nulla, nemmeno in sé stessa risultando indefinita per definizione.

Link per lo streaming su Bandcamp: https://apatiats.bandcamp.com/releases

Tracklist:

  1. Male di Vivere
  2. Non Titolata
  3. Intermezzo
  4. Mono

5.Epitaffio

Credits:

Musica e testi di Apatia, eccetto “Mono” la cui musica è stata scritta da Christian Castorina.

Basso di G. Koler

Prodotto da “Il Grido – Incisioni sonore”

Registrato e Missato da Christian Castorina

Foto di Andrea Stoppa

Web links:

Il Grido – Incisioni Sonore: https://www.facebook.com/ilgridoTS

Next Post

L'artista Torinese Incompleto fuori con Amore in Playback, critica alla dating app

Facebook Lo avevamo lasciato con uno dei singoli più interessanti dedicati alla sua città “A Torino” poco dopo il primo lockdown nazionale in Italia e con “Indietro nel tempo” uscito a Settembre. A distanza di pochi mesi, il giovane Artista Incompleto, torna a bussare, più produttivo che mai, alle porte […]